Get Adobe Flash player

Era tempo che stavamo studiando un modo per scendere da Valmontagnana verso San Vittore. Alcuni tentativi sul 146A erano stati fatti, ma l’incuria del sentiero ad un certo punto aveva reso impossibile orientarsi, costringendoci a scendere a caso tra la folta vegetazione. Così l’idea era stata accantonata, finché recentemente viene pubblicata la discesa del 146. Troppo ghiotto l’invito per non cogliere al volo l’occasione di cimentarsi in questo trail che dalla descrizione sembra tutt’altro che una passeggiata. Oltretutto l’autore non è certo l’ultimo arrivato, ma Sblinky, uno dei rari esempio rimasti di spirito AM.

SAM_7811_800x533

Tra impegni lavorativi, promesse scout e chi è restio ad abbandonare l’ora solare, i rogari al via sono quattro. Si unisce Alessandro, un amico dello zio su frontina monoforca!
Il giro sulla carta appare bellissimo. Le salite sono lunghe, ma mai impegnative e permettono sia di sparare minchiate a cannone (disciplina in cui non temiamo rivali), che di godersi il panorama circostante in una giornata ideale. Per prima discesa di riscaldamento fisico e mentale scegliamo lago fossi che non delude mai, mentre l’incognita della seconda discesa lascia il gusto della sorpresa.

SAM_7810_800x533

Così in un batter d’occhio arriviamo in cima al predicatore, foto di rito e via lago fossi senza soste. Grazie alle piogge dei giorni scorsi, il fondo è umido il giusto a garantire un’aderenza bestiale e la dea si fa rispettare. La ragazza non ci sta ad andare in pensione e lo dimostra sul campo! Stoica.

SAM_7812_800x533

Da lago fossi ci attende un lungo tratto di collegamento su asfalto, fortunatamente è presto e in giro non si vedono auto.
Anche la salita a Valmontagnana vola… non per tutti. Perché assistiamo a qualcosa di inedito, mai visto prima. Lo zio Ciano che accusa crampi e ricorre in più tratti al piedibus. Ma allora è umano anche lui, anche lui ha le giornate NO!

SAM_7819_800x533SAM_7823_800x533

Arriviamo all’inizio del 146, il cui cartello riporta “tratti pericolosi”. Ci vestiamo e scherziamo, inconsapevoli che il bello doveva ancora venire cominciare. Il primo tratto è su sentiero stretto all’interno di una fitta boscaglia. Qui l’unico pericolo è costituito da gli escursionisti che salgono, i quali non perdono occasione per appurarsi che non avessimo sbagliato sentiero e fossimo consapevoli di quello che ci attendeva. Nel frattempo il sentiero diventa impedalabile. Si scende bici in spalla su gradoni di roccia abbastanza esposti.
Ennesimo incontro di escursionisti e una dolce signora ci spara una bella paternale sull’imprudenza elencandoci i rischi di infortunio a cui andavamo in contro! Chissà perché mi è tornata alla mente quella simpatica tedesca che a Fiastra sentenziò “but it’s dangerous! Good luck”, proprio 15 secondi prima che superD volasse dentro i rovi. A queste parole qualcuno tentenna e abbozza l’ipotesi di un dietro front… ma è solo l’annebbiamento di un attimo, un calo di zuccheri. Intanto l’amico dello zio non proferisce verbo.
SAM_7826_800x533 SAM_7834_800x533

Arriviamo alla falesia di Cagliostro che il sole picchia forte. Qui constato che effettivamente il guest ha perso la parola, forse sta cercando di evitare di stramaledirci tutti!

SAM_7835_400x600SAM_7837_400x600

Il sentiero sembra riprendere le sembianze di single track, ma è solo un inganno. Dopo neanche 50 metri, drittone su roccia ricoperta da terriccio quanto basta per rendere il fondo una saponetta. Qui i voli si sprecano. Una GoPro quando veramente serve non c’è mai!
Superato anche questo salto, il sentiero si addolcisce come inclinazione, ma non per difficoltà. Si attraversa bosco su stretti zigzag su fondo di ghiaione, per terminare con una bella cresta esposta. Questa potrebbe risultare anche molto gustosa, se solo ci si arrivasse un minimo lucidi!

SAM_7841_400x600 SAM_7844_800x533

Sarà il calo d’adrenalina o la fatica, ma a San Vittore sono veramente finito, ma altrettanto soddisfatto per l’impresa.
Mi accorgo che è tardissimo e rischio il linciaggio. Così appuro che tutti siano giunti a destinazione, recupero le ultime forze e rientro verso Serra congedandomi senza troppi convenevoli.

Il giorno dopo vengo a sapere che non tutte le cadute sono state indolori. Lo Zio ha un ginocchio dolorante. Quest’anno il rogara raduno lo facciamo a Lourdes, sempre se tua moglie non ci lincia prima!

In conclusione posso dire: Che fikata!
Questo è quello che mi ha fatto innamorare della MTB, non tutte le altre minchiate. Questo è quello che cerco: avventura, sfidare i proprio limiti (mentali) e contatto con la natura. E oggi sto proprio bene!

 

Partecipanti

Demis
Lele
Ciano
Spada
Alessandro (guest)

 

Traccia

Distanza totale: 38169 m
Altitudine massima: 737 m
Altitudine minima: 143 m
Scarica

 

Foto

Home » Valmontagnana 30-03-2014 » Lago Fossi - Valmontagnana - 30-03-2014
SAM_7810_800x533.JPG
SAM_7811_800x533.JPG
SAM_7812_800x533.JPG
SAM_7813_800x533.JPG
SAM_7815_800x533.JPG
SAM_7816_800x533.JPG
SAM_7817_800x533.JPG
SAM_7819_800x533.JPG
SAM_7820_800x533.JPG
SAM_7821_800x533.JPG
SAM_7822_800x533.JPG
SAM_7823_800x533.JPG
SAM_7826_800x533.JPG
SAM_7828_400x600.JPG
SAM_7830_800x533.JPG
SAM_7831_800x533.JPG
SAM_7833_800x533.JPG
SAM_7834_800x533.JPG
SAM_7835_400x600.JPG
SAM_7836_400x600.JPG
SAM_7837_400x600.JPG
SAM_7839_800x533.JPG
SAM_7840_800x533.JPG
SAM_7841_400x600.JPG
SAM_7842_400x600.JPG
SAM_7843_800x533.JPG
SAM_7844_800x533.JPG

 

4 Commenti a “Valmontagnana 30-03-2014”

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

ULTIME DAL FORUM
Foto casuale
Ultimi Video
Commenti alle foto
superD
superD
superD
Genna
Categorie Articoli
Foto del mese
Non ci sono voti tra
Maggio 1, 2022, 00:00 00e
Giugno 1, 2022, 00:00 00.